Luigi Ghirri, fotografo tra il vecchio e il nuovo mondo

Fino al 26 Agosto sarà possibile visitare alla Triennale di Milano la mostra Il Paesaggio dell’Architettura

Fotografo a cavallo tra due epoche Ghirri porta avanti un’importante riflessione sul contrasto tra il passaggio dal mondo naturale a quello artificiale.

In questa ricerca approda a una fotografia concentrata sull’oggetto-immagine, sulla ripresa dello stesso oggetto in altri scatti e sul contrasto con elementi paesaggistici e naturali.

Verrà considerata la figura chiave della New Wave italiana degli anni 80′ e la sua influenza sarà enorme sulla nuova fotografia italiana.

Per questo motivo la Triennale decide di dedicarli una personale concentrata sul suo lavoro di paesaggio.

Le oltre 350 fotografie appartengono all’archivio Lotus International che vuole esporre le opere così come erano state volute da Ghirri.

A volte nelle nuovle si possono riconoscere le parvenze di animali, il profilo di un volto. Le figure ai nostri occhi appaiono precise anche se in effetti sono incerte, mutevoli, lontane dall’essere definite. Questo lavoro sul paesaggio italiano vorrei che apparisse un pò così, come questi disegni mutevoli.